AMBRA – la pietra che assorbe

Proprietà terapeutiche
Per il suo caldo e vivace colore giallo l’Ambra è stata ritenuta fin dalle epoche più remote una gemma capace d’infondere ottimismo, spensieratezza, gioia e di facilitare il successo. Nella moderna cristalloterapia si consiglia per eliminare le energie negative che creano disagi fisici ed emotivi. Con l’Ambra si possono vincere molti dolori, soprattutto quelli articolari.

Ambra: Svolge un'azione antireumatica e assorbe il dolore. Efficace contro le malattie nervose e le vertigini. Utile per combattere bronchiti e sinusiti. Allontana malinconia e depressione svilluppando intensa energia positiva. Propizia l'amore rendendo affascinanti. Si porta ai polsi e sul 3° e 5° chakra. Colore giallo bruno e arancio con inclusioni.

Ambra: Svolge un’azione antireumatica e assorbe il dolore. Efficace contro le malattie nervose e le vertigini. Utile per combattere bronchiti e sinusiti. Allontana malinconia e depressione svilluppando intensa energia positiva. Propizia l’amore rendendo affascinanti. Si porta ai polsi e sul 3° e 5° chakra. Colore giallo bruno e arancio con inclusioni.


Come si usa
Poggiata nella regione del plesso solare favorisce la spontaneità, l’estroversione, la voglia di vivere, la sicurezza, rimuove le tensioni dello stomaco e previene i disturbi del fegato. L’ambra abbinata al cristallo di rocca vince il dolore delle articolazioni e scioglie le tensioni della schiena. Secondo l’antica tradizione se si porta al collo previene le infiammazioni della gola.
Posizione
chakra II, III, IV e V
Descrizione
L’ambra non è un cristallo ma una resina fossile di conifere.
Si presenta in noduli o massarelle di varie dimensioni e forme. Spesso vi sono inclusi resti di insetti e vegetali fossili.
Colore e aspetto
Da trasparente a traslucida a quasi opaca incolore, da giallo a giallo miele fino a bruno e con sfumature brune rossastre; talora è rivestita da una crosta friabile bruna e rossastra, bruno chiara o grigia.
Energia
Assorbente.
Storia
Anticamente era molto diffusa sulle coste del mar Baltico, dove veniva raccolta nella sabbia dai commercianti che la scambiavano con manufatti lungo le più disparate vie d’Europa. Il tracciato della storica “via dell’Ambra” è ancora avvolto nel mistero: pare comunque che il percorso risalisse i fiumi cetroeuropei e valicasse le Alpi per scendere infine verso le coste dell’Adriatico. Da qui via mare raggiungeva la Grecia e l’Asia minore. La leggenda vuole che le sorelle di Fetonte (figlio prediletto del dio Apollo), piangenti la triste sorte del loro fratello, fossero trasformate da Zeus in pioppi e le loro lacrime si condensassero in gocce di ambra.
Per la sua bellezza e la sua duttilità l’ambra veniva considerata dagli antichi un prezioso talismano capace di preservare da qualsiasi disgrazia.

Un palazzo pieno di storia, ed una sala che ne è stata protagonista: recentemente restaurata, la Sala Ambra del palazzo Tsarskoe Selo, ex Palazzo Pushkin di San pietroburgo, in Russia, è un trionfo di ambra, in tutte le sue tonalità di colore e sfaccettature.

Un palazzo pieno di storia, ed una sala che ne è stata protagonista: recentemente restaurata, la Sala Ambra del palazzo Tsarskoe Selo, ex Palazzo Pushkin di San pietroburgo, in Russia, è un trionfo di ambra, in tutte le sue tonalità di colore e sfaccettature.

Provenienza
L’ambra si rinviene principalmente lungo la costa dei paesi baltici, della Polonia e della Repubblica Domenicana, nelle Antille, nella repubblica Ceca, in Romania, in Sicilia, negli Stati Uniti, in Canada, in Cile e in Birmania. La qualità più famosa proviene dal giacimento di Kaliningrad, in Russia, quella più rara è la simetite o ambra del Simeto, fiume della Sicilia che durante le alluvioni ne porta alla luce frammenti bellissimi che presentano un colore giallo rossastro. Molto richiesta è l’ambra di San Domingo per il suo affascinante giallo che sfuma nell’azzurro.

*AV-MGC

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...